Melanzane alla mediterranea

Condividi

Oggi vi presento un contorno o un antipasto sfizioso con le ultime melanzane di stagione, facile da preparare ma soprattutto molto gustoso. Ho chiamato le melanzane “alla mediterranea“, perchè nella panatura ci sono degli ingredienti tipici del sud, come la melanzana lunga Napoli, i capperi, i pomodorini datterino, l’origano, le olive nere di Gaeta, il basilico e infine l’olio extra vergine d’oliva, alimento immancabile della dieta mediterranea. Vi accorgerete che sono facili da preparare,  potendole preparare sia al forno che in padella. Vediamo come.

Ingredienti:

6 melanzane lunghe Napoli

15 capperi

15 pomodorini datterino

10 olive nere

6 foglie di basilico

300 gr di pangrattato

sale

olio extra-vergine

 

Procedimento:

Tagliate le melanzane a metĂ  e create sulla polpa dei tagli obliqui incrociati sia verso destra che verso sinistra. Ponetele in una ciotola con del sale fino e un filino d’acqua per 30 minuti cosi da perdere la loro acqua di vegetazione. Nel mentre preparate il ripieno : versate il pangrattato in una ciotola, i capperi dopo averli sciacquati dal sale, le olive nere un pò sminuzzate, i pomodorini tagliati a pezzettini, il basilico sminuzzato, l’origano q.b e poi condite il tutto con 2 cucchiai di olio. Amalgamate bene il pane con tutti gli ingredienti e tenete da parte. Riprendete le melanzane, strizzatele bene e ponetele una accanto all’altra in una teglia unta con l’olio. Con un cucchiaio farcite le melanzane per tutta la superficie, facendo sì che la melanzana sia ben ricoperta. Procedete così fino a finirle. Versate un pò di olio a filo su tutte le melanzane, quindi infornate in modalitĂ  ventilata a 180°C per 50 minuti. Quando la forchetta entrerĂ  nella melanzana e saranno ben dorate, allora saranno probte. Questa è versione c.d. “light” perchè preparate al forno. Se invece le voleste ancora piĂą gustose, potete preparale fritte in padella, avendo cura di non far cadere la panatura. Si conservano in frigo in un contenitore di vetro con coperchio anche 5 giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.