La pigna irpina

Condividi

La pigna irpina è un antico dolce tipico Pasquale che veniva preparato in tutte le case durante il periodo pasquale. Ne ricordo ancora il profumo e la bontà che sprigionava in casa, nonchè il suo ottimo sapore quando l’indomani veniva aperta per la colazione della mattina. E’ una ciambella, che può essere arricchita con della glassa bianca e dei zuccherini colorati, oppure con i canditi, ed è  molto profumata. Non essendo una amante dei canditi e della glassa, l’ho fatta con le gocce di cioccolato. Questa che vi presento è la versione “veloce” con lievito istantaneo, poi c’è la versione più antica che prevede dei tempi di lievitazione più lunghi.  Vediamo come preparare questo straordinario dolce.

Ingredienti per uno stampo diam 24 cm:

500 gr di farina 00

150 gr di farina manitoba

280 gr di zucchero

mezzo bicchiere di liquore Strega

100 ml di olio di semi di mais

60 ml di acqua

5 uova

1 bustina e mezzo di lievito per dolci

succo di 1 arancia

scorza grattugiata di 1 arancia

300 gr di frutta candita o gocce di cioccolato

Per la glassa:

190 gr di zucchero a velo

20 gr di burro

4 cucchiai di acqua calda

zuccherini colorati

Procedimento:

Montare le uova con lo zucchero fino a quando non saranno gonfie e spumose, poi unire l’olio, il liquore, l’acqua, il succo dell’arancia e la scorza grattugiata. Amalgamare bene poi unire la farina setacciata, il lievito setacciato e le gocce di cioccolato o la frutta candita.  Imburrare e infarinare lo stampo e versare l’impasto, in forno già caldo a 180°C per 60 minuti.

Per la glassa: Mescolare in una ciotola, lo zucchero a velo con il burro fuso e l’acqua calda un pò per volta, fino ad vere un composto liscio e fluido ma non troppo liquido. Regolatevi un pò per volta. Non appena la pigna sarà cotta, lasciatela raffreddare e poi versate la glassa e decorate con gli zuccherini colorati.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.