Mine palline ripiene di gelato

Condividi

E’ risaputo che a Carnevale qualche strappo alla regola è concesso, in termini di calorie, magari dopo una bella corsettina. In questo modo potrete concedervi questo dolce da gustare come volete.  Infatti le palline che vi propongo oggi, sono ottime da mangiare anche semplici. Io le ho provate con aggiunta di gelato al pistacchio e al cioccolato e vi garantisco che sono di una bontĂ  unica, e meritano di essere preparate.  Quindi forza ! Farina uova e… prepariamo questa goduria.

Ingredienti:

500 gr di farina 00

250 gr di patate lessate e schiacciate

2 uova

60 gr di burro

buccia grattata di un limone

100 gr di zucchero

20 gr di lievito di birra fresco

1 bicchiere di latte a temperatura ambiente

olio d’arachide

zucchero semolato

Procedimento:

Cuocete le patate e schiacciatele (potete farlo anche il giorno prima, si raccomanda che le patate siano a pasta gialla o usate quelle rosse perchĂ© asciutte). Sciogliete il lievito in un bicchiere con metĂ  del latte, un cucchiaio di farina e un cucchiaino di miele. Lasciate riposare 20 minuti. Setacciate la farina, unite le uova, le patate, il burro fuso e freddo, la buccia grattata del limone, 3 cucchiai di succo di limone, il lievito sciolto e iniziate ad impastare. Infine unite lo zucchero e il restante latte un po’ per volta, in modo da ottenere un impasto morbido ed elastico. Coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio. Una volta pronto, dividete l’impasto a metĂ , create del filoncini e staccate dei pezzi d’impasto tali da formare delle palline grosse come un’albicocca. Lasciatele riposare nuovamente per 30 minuti, poi friggetele in abbondante olio a fiamma moderata, girandole per avere una doratura perfetta. Infine scolatele su carta assorbente, passatele nello zucchero semolato e lasciatele raffreddare. Al momento di servire, tagliatele e farcitele con il gelato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.